23 Marzo 2019
[]

Storia
percorso: Home > Capoeira

La Capoeira nelle sue evoluzioni

Le origini della capoeira
la storia della capoeira dalle origini all'attualità
LE ORIGINI DELLA CAPOEIRA
Originata circa 500 anni fa, la Capoeira, è una forma di autodifesa senza contatto espressa in forma di danza, nata in Brasile fra le comunità di schiavi neri costretti a lavorare nelle piantagioni di cotone e canna da zucchero.
Essi inventarono una lotta, (particolarmente incentrata sulla forza e l'agilità delle gambe che vengono, in certi movimenti, come "lanciate" e fatte roteare nell'aria) per difendersi dai soprusi dei padroni e per fuggire verso la libertà. Gli elementi di danza (samba) e musica (percussioni e birimbau) contenuti nella Capoeira, furono inseriti dagli schiavi per mascherare le proprie intenzioni e sono ad oggi parte integrante e indispensabile della disciplina.
Dopo aver formato un cerchio (la roda) in cui tutti suonano e cantano col Birimbao (tipico strumento a corde), si dà inizio al confronto (chiamato "gioco") tra i primi due lottatori-danzatori. Si tratta, inoltre, di una spettacolare forma acrobatica di ginnastica.
I neri africani, nel Brasile coloniale, erano schiavi e in quella condizione tanto disumana non era consentito loro ne' l'uso di qualsiasi specie di arma ne' la pratica di mezzi di difesa personale. Fu così che si vide in tale circostanza la capoeira, impedita nel suo sviluppo, praticata di nascosto o mascherata cautamente con danza e musica della terra natale.
Cos'è in sostanza la capoeira? E' un mezzo di difesa e di attacco che possiede grandi risorse, grazie alla forza muscolare, flessibilità delle articolazioni e straordinaria rapidità dei movimenti.
La Roda ed il Jogo nella Capoeira
jogo di angola e reglional nella capoeira moderna
JOGO NELLA CAPOEIRA
Il gruppo musicale si riunisce, il berimbau solista dà inizio alla prima battuta seguito, subito dopo, dagli strumenti ritmici. Di lì a poco, il cantante solista inizia a cantare il primo verso e gli altri componenti del gruppo gli rispondono in coro. A questo punto i capoeristi che fanno la dimostrazione si presentano accosciati davanti al gruppo musicale, "proprio ai piedi del berimbau", ascoltando rispettosamente il canto. La capoeira si gioca nella roda, il cerchio formato da tutti i capoeristi, ed è scandita dal ritmo del berimbau e dai canti, che tutti gli atleti devono conoscere.
Al centro della roda stanno due giocatori che si attaccano e si difendono compiendo acrobazie di complessità variabile, finalizzate a "rompere" lo schema di gioco del compagno.
Obiettivo del gioco, lottare con l'avversario combinando le reciproche mosse in modo fluido ed armonioso.
Nella roda, lo spazio per giocare va conquistato entrando con una ginga (una sorta di dondolamento che costituisce la tipica mossa d'entrata) e poi giocando con ironia, astuzia e, ovviamente, una buona tecnica.
Un giocatore abile cerca infatti di "rompere" il gioco dell'avversario spiazzandolo con mosse inaspettate: è a questo punto che diviene fondamentale riuscire a conservare l'armonia e la fluidità della danza.
Obbligo inderogabile, cantare. La musica nella capoeira è ritenuta una fonte di energia (oltre che un piacevole accompagnamento). Il gioco ci porta a prestare molta attenzione a quello che sta per fare l'avversario ma rispettando le regole della capoeira che ci portano ad avere fiducia nel nostro essere, apprezzare la capacità dell’avversario/amico senza però farsi sovrastare.
La musica ed il ritmo nella Capoeira
la musica, il ritmo e gli strumenti musicali nella capoeira
MESTRE AGOSTINHO
La Capoeira è un’arte marziale mascherata sotto forma di danza. Per questo l’accompagnamento musicale riveste un ruolo di fondamentale importanza. Accompagna la danza-lotta con suoni brasiliani e conferisce al gioco il suo ritmo. L’allegro intrecciarsi di canto e strumenti danno alla Capoeira il suo colorito ludico e sottolineano l’ aspetto giocoso del combattimento. Si distinguono due differenti stili di combattimento che vengono rispettivamente definiti da precisi tipi di canto e "Toques" (ritmi del Berimbau). Il canto nella roda stimola lo spirito di appartenenza, l’entusiasmo e l’ energia, grazie anche al ritmo dato dal battito delle mani.
I testi delle canzoni mettono sopra tutto in luce la filosofia della Capoeira, cantano di famosi maestri di episodi del passato e delle sofferenze della schiavitù. Altre canzoni invece lasciano aperta la possibilita’ all’ improvvisazione, all’ interno delle quali si possono includere i presenti, per prendere in giro o per sfidarli a combattimento. Autori di molte canzoni sono gli stessi grandi maestri del passato. Bimba per esempio era famoso per il suo talento musicale e diede vita a nuovi ritmi e canzoni di Capoeira. Egli eccelleva anche in altre forme artistiche afro-brasiliane come per esempio la "Samba de Roda". Le canzoni nella Capoeira possono essere testi molto semplici come anche composizioni assai impegnative
Il gruppo musicale conferisce al gioco della capoeira molta grazia, incanto e misticismo. Soprattutto marca il ritmo della esibizione, che può essere lento o rapido. Il berimbau è il principale ed indispensabile strumento musicale della capoeira. Formato da un bastone di legno che tiene in tensione un filo di metallo (un tempo di budello), ad una sua estremità è legata una zucca, aperta da un lato, che funge da cassa armonica. Una mano percuote il filo metallico con una bacchetta, mentre l'altra tiene in posizione l'arco musicale e sorregge una moneta o un sasso che contrapponendosi ai colpi della bacchetta crea delle interessanti variazioni ritmico-melodiche. All'occorrenza la stessa mano che tiene la bacchetta sorregge il caxixi, un cesto di vimini con una base di zucca e contenente dei semi.
Il berimbau non esiste solo in funzione della capoeira, è anche un fedele amico che accompagna i momenti di tristezza. Le melodie utilizzate non hanno una metrica precisa, ma rispecchiano i sentimenti dell'animo dei capoeristi e della gente. La melodia viene cantata, un verso alla volta, da un solista a cui risponde un coro che ripete per intero il verso o l'ultima parola di questo.
La Capoeira nell'attualità
stile e metodo di jogo nella capoeira moderna o contemporanea
MESTRE RUDSON
Ben diversa è la situazione attuale del capoeirista e della capoeira; Bisogna arrivare al 1930, anno in cui la capoeira venne liberalizzata ed entrò a far parte del folclore nazionale. Grazie a personaggi come Mestre Pastinha, Mestre Bimba e pochi altri, è stata recuperata l'immagine del capoeirista e la capoeira è stata inserita come modalità sportiva.
Oggi è facile incontrare atleti-discepoli di tutte le età e classi sociali; ci sono anche donne che la praticano. Il capoeirista non è più visto come un provocatore ma come uno sportivo, il capoerista deve essere calmo, tranquillo e calcolatore, la capoeira esige da parte sua un certo misticismo, lealtà con i compagni nel gioco ed obbedienza assoluta alle regole. Oggi esistono diversi tipi di capoeira che differiscono apparentemente tra loro solo per piccoli particolari ma le più famose sono Capoeira Angola e Capoeira Regional.
La prima Academìa di capoeira a Bahia fu aperta nel 1932 dal Mestre Bimba, che unì la Capoeira Angola a tecniche di altre lotte, stabilendo quello che egli chiamò Capoeira Regional. Successivamente nacquero altre scuole come quella del Mestre Pastinha, "O Centro Esportivo de Capoeira Angola", nel 1941.
Oggi gli alunni pagano una mensilità, hanno un orario ed un programma stabilito e fanno riferimento all'autorità del Mestre, a cui ci si rivolge sempre con rispetto. Il successo di questa splendida disciplina è dovuto anche alla produzione di spettacoli è infatti facile oggi imbattersi in spettacoli di capoeira a scopo turistico in piazze, ristoranti e clubs. Ormai è diventata famosa in tutto il mondo grazie anche alla sua apparizione in teatro, cinema e televisione.
Curiosità
curiosità dal mondo della capoeira
FLOREIO - JOGO ACROBATICO
Quando la Capoeira cominciò a crescere in tutto il Brasile, fu molto apprezzata, ma allo stesso tempo iniziava a creare seri problemi di ordine pubblico ed era vista, dal governo, come una minaccia, così venne introdotto un rigido codice penale che trattava in diversi punti la capoeira, considerata alla pari di una piaga sociale.
Fu così che nel 1890 il nuovo Codice Penale vieta la pratica della capoeira in tutto il territorio Brasiliano. Pene pesanti venivano applicate a chi venisse sorpreso a giocare capoeira. Nonostante questo hanno lasciato la loro impronta grandi nomi della capoeira.
Fra le regole più importanti figura il divieto di "buttare fuori" dalla roda un proprio superiore o, peggio ancora, un maestro. In alcune scuole la regola è osservata meno rigidamente, tuttavia il gesto è ritenuto poco rispettoso ed inopportuno.
La capoeira è considerata una terapia contro la timidezza, perché favorisce la socialità ed il contatto fisico.
Ma attenzione a non cadere nell'invadenza eccessiva, anch'essa poco apprezzata.
Per giocare nella roda è necessario essere vestiti di bianco, con pantaloni ampi e morbidi ed una t-shirt, che nelle occasioni formali deve rigorosamente avere il logo della scuola di appartenenza.
Il dispendio calorico di una "giocata" di un'ora è paragonabile a quello di una attività aerobica di impatto medio-alto.
Nonostante i suoi aspetti ludici la capoeira è un'attività impegnativa, perché coinvolge tutti i muscoli e permette un'attività di tipo aerobico.
E' comunque accessibile a tutti, anche ai bambini, e non richiede una particolare predisposizione atletica. Diverte già dalle prime lezioni e nel giro di un anno circa si riesce ad entrare in possesso delle basi, la capoeira è inoltre da ritenersi un ottimo allenamento per tutti gli altri sport, data la sua completezza.
BATIZADO TOPAZIO RIETI

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata